Storia delle storie del femminismo

Non esiste un femminismo generale. Ci sono molte correnti diverse di femminismo, quindi se si guarda alla storia del femminismo, bisogna considerare i diversi tipi di movimenti delle donne e i loro alleati. Le correnti del femminismo spesso si sovrapponevano le une alle altre. C’erano movimenti che includevano donne bianche e nere, povere e ricche, giovani e vecchie. Tutto questo è il storia delle storie del femminismo.

E tutti questi movimenti si sono concentrati su questioni diverse. Ci sono stati anche movimenti femministi tra i movimenti sindacali, movimenti per i diritti civili, movimenti omosessuali. 

Ci sono stati anche movimenti femministi ambientalisti. C’erano anche movimenti femministi razzisti – donne del Ku Klux Klan e donne skinheads. 

Ci sono diverse dissertazioni sui diritti delle donne. Tutte le correnti del femminismo hanno storie diverse. Se guardiamo agli Stati Uniti, il femminismo è nato lì intorno al 1830. Era un’epoca di disordini sociali e di diffusione di idee utopiche. Il femminismo americano è nato da diversi movimenti per l’uguaglianza. Uno di questi movimenti era il movimento per i diritti dei lavoratori, che sosteneva l’aumento dei salari per gli uomini e le donne che lavorano, condizioni di lavoro sicure nel Massachusetts e in altre città del New England. Nel 1837, e negli anni 1840 e 1850, i lavoratori delle fabbriche del New England marciarono verso gli edifici legislativi di Boston, lottando per salari più alti, orari più brevi e condizioni di lavoro sicure.

i diritti delle donne tesina

C’era anche un movimento che lottava contro la schiavitù. Ad alcune donne che facevano campagna per l’abolizione della schiavitù fu detto che non potevano predicare e predicare dal palco perché era innaturale e poco femminile. I leader di questi movimenti, come Angelina e Sarah Grimke, hanno combattuto questo e hanno sostenuto che le donne hanno il diritto di parlare alla pari con gli uomini. C’erano anche donne che erano state liberate dalla schiavitù, come Sojourner Trout, che parlavano dell’idea di cavalleria e che le donne erano sotto il patrocinio degli uomini. In una serie di discorsi negli anni 1850 sottolineò che questo non fu mai vero per le donne in schiavitù. Dovevano lavorare nei campi, venivano picchiati, i loro figli venivano venduti. E sono rimaste donne. Trout ha sostenuto l’ingiustizia di non poter votare, prendersi cura dei propri figli e vivere in sicurezza.

 Tutte le correnti del femminismo hanno storie diverse. Se si guarda agli Stati Uniti, il femminismo è nato lì intorno al 1830. Era un’epoca di disordini sociali e di diffusione di idee utopiche. Il femminismo americano è nato da diversi movimenti per l’uguaglianza. Uno di questi movimenti era il movimento per i diritti dei lavoratori, che sosteneva l’aumento dei salari per gli uomini e le donne che lavorano, condizioni di lavoro sicure nel Massachusetts e in altre città del New England. Nel 1837, e negli anni 1840 e 1850, i lavoratori delle fabbriche del New England marciarono verso gli edifici legislativi di Boston, lottando per salari più alti, orari più brevi e condizioni di lavoro sicure.

C’era anche un movimento che lottava contro la schiavitù. Ad alcune donne che facevano campagna per l’abolizione della schiavitù fu detto che non potevano predicare e predicare dal palco perché era innaturale e poco femminile. I leader di questi movimenti, come Angelina e Sarah Grimke, hanno combattuto questo e hanno sostenuto che le donne hanno il diritto di parlare alla pari con gli uomini. C’erano anche donne che erano state liberate dalla schiavitù, come Sojourner Trout, che parlavano dell’idea di cavalleria e che le donne erano sotto il patrocinio degli uomini. In una serie di discorsi negli anni 1850 sottolineò che questo non fu mai vero per le donne in schiavitù. Dovevano lavorare nei campi, venivano picchiati, i loro figli venivano venduti. E sono rimaste donne. Trout ha sostenuto l’ingiustizia di non poter votare, prendersi cura dei propri figli e vivere in sicurezza.

Storia delle storie del femminismo

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll to top