Imprenditoria Femminile

Ti aiuteremo a costruire un business di successo

Unisciti alla nostra fantastica comunità di imprenditoria femminile

Essere un imprenditore e tradurre i tuoi pensieri in azioni è come essere al buio su una montagna russa. Lottiamo per i diritti delle donne per creare un’imprenditorialità che non abbia meno successo di quella degli uomini. Pertanto, per incoraggiare l’imprenditorialità femminile, svolgiamo molte attività a sostegno della nostra cultura.

I nostri valori

Qualità, trasparenza, efficienza.

La nostra missione

Promuovere l'imprenditorialità femminile.

Notizia

Cosa c’è da fare con i beneficiari

Limiti di importo e intensità del contributo Come fare la domanda di lavoro Modalità di presentazione del documento Riferimenti Indirizzi Camere di Commercio a cura della CCIAA PEC Per favorire l’imprenditoria femminile nei settori dell’artigianato, dell’industria, del commercio, del turismo e dei servizi attraverso incentivi a fondo perduto ai sensi della legge regionale 11/2011.

L’articolo 2 della legge regionale 11 agosto 2011, n. 11, stabilisce criteri e meccanismi per la concessione di contributi a sostegno di progetti imprenditoriali femminili. Le Camere di Commercio del Friuli Venezia Giulia sono incaricate di gestire il canale dei contributi a livello provinciale.

I beneficiari Le nuove PMI femminili del Friuli Venezia Giulia possono richiedere i contributi se hanno una sede legale (o un’unità operativa coinvolta nell’investimento) in quella regione.

Per essere considerata una nuova impresa deve essere iscritta al registro delle imprese da meno di 36 mesi alla data di presentazione della domanda; non sono considerate nuove imprese le società partecipate da altre imprese, le società costituite attraverso la trasformazione di un’altra impresa, le imprese costituite attraverso la fusione o la scissione di un’altra impresa.

Quando parliamo di aziende di proprietà di donne, intendiamo aziende in cui le donne possiedono la maggioranza delle azioni, cooperative in cui la maggioranza dei membri sono donne, e imprese individuali in cui la maggioranza dei proprietari sono donne. Includiamo anche le società di persone con più di due soci, le società in accomandita dove il socio generale è una donna e le società in nome collettivo dove il socio donna è il rappresentante legale della società. Guarda alcuni agevolazioni imprenditoria femminile 2017.

Limiti su quanto e quanto intensamente una donna può contribuire a un progetto

  • si svolgono nella sede legale o nelle unità operative dell’impresa beneficiaria nella giurisdizione regionale – richiedono una spesa minima ammissibile di 5.000 euro.

I diritti delle donne saranno al centro della conferenza. informazioni ottenute da: ansa Per esempio, ce n’è uno sulla connessione tra la scienza e il mondo femminile, così come una discussione più ampia sui diritti delle donne nella società contemporanea.

Immaginiamo una tale melodia e vediamo se possiamo sviluppare un argomento di discussione intorno ad essa. L’immaginazione è la chiave. Ricordiamoci di Rita Levi Montalcini, che è nata 110 anni fa oggi “Per generazioni, le donne sono state emarginate. È come una donna affamata quando è esposta alla cultura. Per chi è affamato, il cibo è molto più benefico che per chi è già ben nutrito. “Lei crede che uomini e donne abbiano uguali diritti e opportunità nella sua società. I professori danno agli studenti compiti a casa e valutazioni in classe su argomenti che passeranno alla storia come classici nel prossimo futuro.

Il tema dell’ambiente e dell’inquinamento è una cosa, ma i diritti delle donne sono un’altra. Si tratta di un argomento delicato, e come tale va trattato: Per prepararci all’esame di maturità del 2020, cerchiamo di capire insieme qual è la struttura perfetta del saggio.

Il mondo in cui viviamo è ancora prevalentemente maschile. La frase è forte e severa, ma coglie con precisione lo stato attuale delle cose non solo in Italia ma in tutto il mondo.

Ci sono una sfilza di statistiche che dimostrano che le donne sono ancora inferiori agli uomini nel 2019 nonostante l’apparente sviluppo del mondo in campo tecnologico e scientifico, ma in ritardo in quello culturale. Anche ai giorni nostri, le donne sono ancora viste come inferiori ai maschi in molti campi. Non solo sono sottopagate, ma sono anche sottoccupate a causa di questa situazione.

Secondo i dati Eurostat rilasciati a marzo 2019, il tasso di occupazione delle donne tra i 20 e i 64 anni è ancora significativamente inferiore a quello degli uomini: 66. 5% contro 78%.

tema sui diritti delle donne

Malta ha la più alta disparità salariale di genere, ma l’Italia non è molto indietro nei primi posti di questa deprimente lista.

I dati possono essere noiosi, ma in questo caso, è imperativo prestarvi attenzione in modo da poter documentare e dimostrare matematicamente come il mondo non si stia chiaramente muovendo nella giusta direzione.

La situazione è migliorata in alcuni modi, ma siamo ancora molto lontani da dove dovremmo essere. Questo non significa che nulla sia cambiato nel corso degli anni.

Non è solo una questione di statistiche. Dovremmo preoccuparci che le persone siano intrappolate in quadri mentali, prigioni intellettuali che le costringono a prendere decisioni e posizioni contro la loro volontà. La parte più difficile è rompere l’abitudine a pensare in quel modo e ad agire in accordo con quel pensiero. L’esempio più piccolo è che le donne sono tipicamente responsabili delle pulizie e della cucina in casa, e questo serve come un potente simbolo. Questo ovviamente non è un fatto, ma perché succede? Risposta: come risultato delle trappole psicologiche in cui la gente inconsapevolmente cade.

Nessuno qui sostiene che uomini e donne siano su un piano di parità; in effetti, non lo sono nemmeno due esseri umani, tanto meno quelli che sono biologicamente opposti. Tuttavia, secondo la legge, quando si tratta di diritti, benefici, assunzioni, avanzamenti sul lavoro, posizioni di prestigio e retribuzione, devono essere uguali.

C’è una cosa in tutto questo che mi fa venire voglia di urlare. I dati Istat del 2017 mostrano che il 32. 5 per cento delle donne trentenni ha una laurea post-secondaria, contro il 19. 9 per cento degli uomini trentenni. Allora, cosa succede dopo la laurea per migliorare le cose? Le donne neolaureate costituiscono il 59. 2% della forza lavoro, mentre i laureati maschi costituiscono il 64. 8% della forza lavoro.

Storia delle storie del femminismo

Non esiste un femminismo generale. Ci sono molte correnti diverse di femminismo, quindi se si guarda alla storia del femminismo, bisogna considerare i diversi tipi di movimenti delle donne e i loro alleati. Le correnti del femminismo spesso si sovrapponevano le une alle altre. C’erano movimenti che includevano donne bianche e nere, povere e ricche, giovani e vecchie. Tutto questo è il storia delle storie del femminismo.

E tutti questi movimenti si sono concentrati su questioni diverse. Ci sono stati anche movimenti femministi tra i movimenti sindacali, movimenti per i diritti civili, movimenti omosessuali. 

Ci sono stati anche movimenti femministi ambientalisti. C’erano anche movimenti femministi razzisti – donne del Ku Klux Klan e donne skinheads. 

Ci sono diverse dissertazioni sui diritti delle donne. Tutte le correnti del femminismo hanno storie diverse. Se guardiamo agli Stati Uniti, il femminismo è nato lì intorno al 1830. Era un’epoca di disordini sociali e di diffusione di idee utopiche. Il femminismo americano è nato da diversi movimenti per l’uguaglianza. Uno di questi movimenti era il movimento per i diritti dei lavoratori, che sosteneva l’aumento dei salari per gli uomini e le donne che lavorano, condizioni di lavoro sicure nel Massachusetts e in altre città del New England. Nel 1837, e negli anni 1840 e 1850, i lavoratori delle fabbriche del New England marciarono verso gli edifici legislativi di Boston, lottando per salari più alti, orari più brevi e condizioni di lavoro sicure.

i diritti delle donne tesina

C’era anche un movimento che lottava contro la schiavitù. Ad alcune donne che facevano campagna per l’abolizione della schiavitù fu detto che non potevano predicare e predicare dal palco perché era innaturale e poco femminile. I leader di questi movimenti, come Angelina e Sarah Grimke, hanno combattuto questo e hanno sostenuto che le donne hanno il diritto di parlare alla pari con gli uomini. C’erano anche donne che erano state liberate dalla schiavitù, come Sojourner Trout, che parlavano dell’idea di cavalleria e che le donne erano sotto il patrocinio degli uomini. In una serie di discorsi negli anni 1850 sottolineò che questo non fu mai vero per le donne in schiavitù. Dovevano lavorare nei campi, venivano picchiati, i loro figli venivano venduti. E sono rimaste donne. Trout ha sostenuto l’ingiustizia di non poter votare, prendersi cura dei propri figli e vivere in sicurezza.

 Tutte le correnti del femminismo hanno storie diverse. Se si guarda agli Stati Uniti, il femminismo è nato lì intorno al 1830. Era un’epoca di disordini sociali e di diffusione di idee utopiche. Il femminismo americano è nato da diversi movimenti per l’uguaglianza. Uno di questi movimenti era il movimento per i diritti dei lavoratori, che sosteneva l’aumento dei salari per gli uomini e le donne che lavorano, condizioni di lavoro sicure nel Massachusetts e in altre città del New England. Nel 1837, e negli anni 1840 e 1850, i lavoratori delle fabbriche del New England marciarono verso gli edifici legislativi di Boston, lottando per salari più alti, orari più brevi e condizioni di lavoro sicure.

C’era anche un movimento che lottava contro la schiavitù. Ad alcune donne che facevano campagna per l’abolizione della schiavitù fu detto che non potevano predicare e predicare dal palco perché era innaturale e poco femminile. I leader di questi movimenti, come Angelina e Sarah Grimke, hanno combattuto questo e hanno sostenuto che le donne hanno il diritto di parlare alla pari con gli uomini. C’erano anche donne che erano state liberate dalla schiavitù, come Sojourner Trout, che parlavano dell’idea di cavalleria e che le donne erano sotto il patrocinio degli uomini. In una serie di discorsi negli anni 1850 sottolineò che questo non fu mai vero per le donne in schiavitù. Dovevano lavorare nei campi, venivano picchiati, i loro figli venivano venduti. E sono rimaste donne. Trout ha sostenuto l’ingiustizia di non poter votare, prendersi cura dei propri figli e vivere in sicurezza.

Diritti umani per le donne!

I diritti umani sono un diritto di nascita. Le persone dovrebbero essere libere dalla violenza e dai pregiudizi, e avere accesso all’istruzione, alla proprietà, a una paga equa e all’opportunità di votare. 
Tuttavia, nonostante le conquiste globali, le donne e le ragazze continuano a subire pregiudizi a causa del loro sesso. L’assenza di uguaglianza di genere è alla base di molte preoccupazioni come la violenza domestica e sessuale, la disparità di reddito, l’accesso limitato all’istruzione e l’assistenza sanitaria insufficiente. Il tema sui diritti delle donne è sempre stato molto scottante.

I gruppi per i diritti delle donne hanno lavorato molto nel tentativo di correggere la disuguaglianza di genere. Nel corso degli anni, hanno apportato modifiche alla legislazione o sono scesi in strada per chiedere che le donne fossero trattate equamente. Un nuovo attivismo è sorto con l’era di internet, compresa la campagna #MeToo, che si concentra sulle molestie e le aggressioni sessuali diffuse e porta tali questioni in primo piano.

Le organizzazioni stanno influenzando le autorità facendo ricerche, creando consapevolezza pubblica e sostenendo l’empowerment delle donne.

Per il ripasso, indagheremo la storia dei diritti delle donne, cosa sono i diritti delle donne e come i difensori dei diritti umani stanno lavorando per assicurare che i diritti delle donne siano sostenuti.

Cosa stanno cercando di realizzare?
La dichiarazione dei diritti delle donne è l’ultimo documento legale che afferma i diritti delle donne ad essere uguali. Ma c’è sicuramente una visibile interpretazione errata da parte di chi non segue queste regole, purtroppo.

 dichiarazione dei diritti delle donne

Cosa sono i diritti delle donne? Perché sono in questa lotta? Ecco alcuni dei diritti che gli attivisti di tutte le epoche hanno cercato di ottenere:

Il diritto di voto delle donne

A seguito di una crescente protesta pubblica, alle donne fu finalmente concesso il diritto di voto all’inizio del 20° secolo. La Nuova Zelanda fu il primo paese a permettere alle donne di votare alle elezioni nazionali nel 1893. Grazie a tutti coloro che si sono impegnati in questa lotta, le donne hanno il diritto di voto grazie alla Convenzione sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne, e questo movimento si è esteso in tutto il mondo (1979).

Diritti di riproduzione e sessualità

Le decisioni riguardanti il corpo dovrebbero spettare alle persone.

Le donne e le ragazze hanno tutti i diritti riproduttivi e sessuali. In breve, questo implica che alle donne è permesso di avere accesso all’assistenza sanitaria riproduttiva come la contraccezione e gli aborti sicuri, e sono anche autorizzate a scegliere se vogliono sposarsi, quanti figli vogliono e quando averli, così come il padre dei loro figli.

Per evitare la paura, le donne dovrebbero essere protette contro lo stupro, le MGF, il matrimonio forzato, la gravidanza forzata, l’aborto forzato e la sterilizzazione forzata.

Ci vorrà molto tempo prima che tutte le donne abbiano pari diritti.

movimento senza costrizioni

È il diritto di poter viaggiare liberamente ovunque si voglia all’interno e all’esterno di qualsiasi nazione. Tuttavia, ci sono alcuni veri e propri ostacoli per le donne in questo senso. Può essere loro negato un passaporto proprio, o possono avere bisogno di chiedere a un tutore maschile se possono viaggiare.

E in Arabia Saudita, l’ultimo risultato è stato che le donne hanno ottenuto il diritto di guidare dopo essere state proibite per anni. Nonostante questo risultato, il governo continua ad arrestare i sostenitori dei diritti delle donne per il crimine di aver fatto campagna per i loro diritti, come ha fatto in passato.

Femminismo intersezionale, un tipo di femminismo che si concentra sulle relazioni e sulle divisioni di razza, classe e genere

Il femminismo intersezionale si riferisce alla nozione che le persone che sperimentano la discriminazione possono appartenere a molte categorie sociali e che le diverse identità si intersecano. Può essere meglio pensare a come questo possa essere rilevante nella vita reale esaminando il paese di Dominica, dove la polizia vittimizza i lavoratori del sesso transessuali.

Molestie e abusi sessuali

Le molestie sessuali includono un comportamento sessuale indesiderato. Un linguaggio sessuale improprio o un comportamento fisico.

Questo si riferisce alla violenza sessuale fisica. La violenza sessuale colpisce le donne e le ragazze più degli uomini e dei ragazzi.

Discriminazione sul lavoro

Le donne affrontano troppo spesso il pregiudizio di genere sul posto di lavoro. Esaminare il divario salariale di genere è un metodo per illustrarlo. È un diritto fondamentale essere pagati allo stesso modo per lo stesso lavoro, ma alle donne viene spesso negata questa opportunità. Secondo dati recenti, le donne guadagnano circa il 77% di quanto guadagnano gli uomini per lavori simili. A causa di questo, la vita delle donne è ostacolata dalle disuguaglianze finanziarie, e le loro possibilità di povertà aumentano.

Queste aziende, come Polaroid e società di sharing economy come Airbnb, sono nate da idee coraggiose

Nel 1995, quando ha aperto il suo ristorante It a Modena, in Italia, lo chef Vittoria Demajo ha rotto il precedente e ha iniziato a offrire una cucina italiana radicalmente reimmaginata in un mondo culinario che valorizzava la tradizione.

Si è scoperto che la sua audacia non era solo un fulmine a ciel sereno.

Nel 2016, più di due decenni dopo aver rischiato di fallire a causa della rabbia del pubblico, era riuscito a guadagnare tre stelle Michelin e ad arrivare in cima alla lista dei 50 migliori ristoranti del mondo.

E ora è stato votato numero uno per la seconda volta.

Eccolo, il business plan esempio ristorante come viene dal maestro

Ribellarsi alle ricette care che sono state tramandate di generazione in generazione può essere sembrata una decisione pericolosa al momento, ma era assolutamente quella giusta per lei.

Il famoso oratore motivazionale Zig Ziglar ha detto: “L’opportunità di successo potrebbe portare all’autocompiacimento seguito dal disastro, che è spesso il caso delle imprese in tutti i campi”.

Invece, il successo ha scatenato ulteriori innovazioni.

Il risultato chiave di questo ristorante è che le aziende di tutto il mondo che enfatizzano l’innovazione e la capacità di anticipare la curva possono beneficiare di queste lezioni.

Ha segnato molti punti lungo la harvard business review italia

harvard business review italia
https://www.crownlan.eu/abbonamento-harvard-business-review-italia/

Continuate a cambiare mentre vi evolvete.
Le aziende innovative si preoccupano meno di mantenere l’eccellenza che di trovare nuove vette da raggiungere.

Nelle fasi finali della cucina, i piatti vengono preparati alla perfezione ma le ricette vengono lasciate incompiute.

Prevede che i suoi pasti cambieranno lentamente.

Le cinque diverse età di Parmigiano Reggiano sono servite in cinque diverse consistenze e temperature.

Il concetto le è venuto in mente per la prima volta vent’anni fa, quando cucinava.

Quando ha iniziato, aveva in mente tre diversi gruppi di età.

Poi il ‘tre’ è diventato ‘quattro’ e alla fine è nato il ‘cinque’.

Il piatto mette in evidenza gli effetti dell’invecchiamento sui dischi di Parmigiano.

Un soufflé caldo di formaggio di 24 mesi, una salsa calda di formaggio di 30 mesi, una mousse fredda di formaggio di 36 mesi, una mousse croccante di formaggio di 40 mesi e una mousse “aerea” di formaggio di 50 mesi.

Studiando attentamente le regole di base di come il formaggio reagisce, ha sviluppato un pasto che è sia dinamico che delizioso.

Raggiungere un’unicità che supera tutte le altre.

Aprire le menti alla propria capacità di pensiero innovativo – e al divertimento – è il modo in cui mantiene il suo staff sveglio e interessato.

Al suo team viene spesso chiesto di progettare piatti basati su una poesia, un dipinto o una poesia.

Quando ho visitato il ristorante, la chef canadese Jessica Rosval mi ha detto: “Sono qui solo da pochi mesi, ma mi sono già abituata allo stile [di Botturin]”.

Il suo ingresso in cucina annunciò: “Gente, oggi faremo del nostro meglio: eseguiremo la canzone di Lou Reed del 1968 Take a Walk on the Wild Side.

“Prepariamo tutti un pasto”.

“Poi mi sono chiesto: “Da dove comincio?”.

Ma quando la prima paura si placò, Rosval si entusiasmò.

Ha detto: “Abbiamo offerto loro un’ampia varietà di opzioni alimentari”.

La maggior parte degli ascoltatori si è concentrata sulla linea di basso della musica.

Mentre alcuni si sono concentrati sui testi, altri si sono concentrati sul flusso.

Per alcuni, era il periodo in cui la canzone è stata scritta ad essere di particolare interesse.

Mentre Massimo ascoltava la musica nella sua auto, avevamo questa grande varietà di piatti diversi, tutti ispirati da un singolo momento di ispirazione.

I lavoratori che sperimentano il cambiamento e la varietà sul lavoro godono di una maggiore soddisfazione sul lavoro, creatività ed efficienza generale.

L’innovazione favorisce anche una maggiore fiducia in se stessi.

Questo studio ha coinvolto lettori che hanno letto una lista di fatti che conteneva un’affermazione deliziosamente stravagante (‘Le farfalle assaggiano con i piedi’) e lettori che hanno letto una lista di fatti che conteneva informazioni su una pagina più noiosa (‘Le farfalle iniziano la vita come bruco’).

I ricercatori hanno scoperto che il primo gruppo è tornato dall’attività più informato e fiducioso, e che si è impegnato di più quando gli sono state date ulteriori sfide.

Le nuove idee sono più importanti della coerenza quando si tratta di creatività sul posto di lavoro.

Se i lavoratori sperimentano più spesso la novità nelle loro prime settimane di lavoro (imparando nuove abilità, incontrando nuovi colleghi o sentendosi sfidati nei loro compiti), riportano una maggiore soddisfazione sul lavoro, e la soddisfazione sul lavoro si traduce in una permanenza più lunga in azienda.

I lavoratori che hanno dichiarato che il loro lavoro aveva “fondamentalmente gli stessi schemi, attività quotidiane e parametri ogni giorno” erano meno soddisfatti della loro posizione e più disposti a cercare un nuovo lavoro.

Era un manager intraprendente che ha iniziato la sua carriera culinaria rompendo gli schemi in un ambiente molto specifico: la cucina italiana.

La pasta lunga funziona bene con i sughi di mare e la pasta corta con i sughi di carne.

In generale, le ricette provate e testate non dovrebbero essere messe in discussione o alterate.

Usare la cucina tradizionale italiana nella sua attività lo ha aiutato ad avere successo.

Non solo ha mantenuto un’atmosfera di lavoro ribelle, ma è anche riuscito a mantenerla nel corso degli anni.

Tutti coloro che lavorano nel ristorante sfidano costantemente i loro colleghi ad avvicinarsi alle ricette e agli ingredienti con una prospettiva nuova, il che alla fine ispira tutti a raggiungere e sviluppare nuove abilità.

Il loro menu è in costante evoluzione, così come le loro competenze.

Quando tutti nell’azienda hanno lo sviluppo come obiettivo, non c’è tempo per il compiacimento, quindi è un terreno molto fertile per sempre nuove idee.

Conozca a los analistas de negocios: ¿quiénes son?

business analyst cosa fa

¿Qué es un analista de negocio (también conocido como gestión de proyectos de TI o gestión de proyectos de negocio) y cuáles son sus funciones?

Un actor importante en cualquier empresa

Business analyst cosa fa? Un analista de negocio es un “negociador neutral” para empresas de todo tipo. Habla con el cliente, le explica detalladamente el problema, le expone su visión de una solución y luego prepara una propuesta que se envía a los ingenieros.

business analyst cosa fa

El analista participa en estos procesos

Se evalúa más que casi todo, especialmente la información y las necesidades entrantes, así como las tendencias generales y los métodos tradicionales para un problema industrial concreto. Se examinan los problemas y los obstáculos, se formulan posibles soluciones y se mide la eficacia. Todo y todo pasa siempre por un complicado proceso de evaluación e interpretación (incluido el propio trabajo).

En general, los analistas de negocio pasan alrededor de un tercio de su tiempo de trabajo redactando documentación y trabajando con información.

Durante esta fase, el analista de negocio (denominado en este contexto “analista de negocio”) descodifica las ideas de los clientes y las pone en la forma en que los ingenieros empiezan a trabajar con ellas. La especificación de requisitos se denomina “especificación de requisitos”. Poco a poco, la amplia visión de conjunto proporciona la base para la definición de los requisitos fundamentales.

Los manuales de usuario se encuentran entre los papeles que los analistas elaboran con los documentos provisionales y de información. Los redactores técnicos (o redactores técnicos) se encargan de este tipo de proyectos.

Los analistas de negocio suelen utilizar diagramas, prototipos de trabajo, modelos, escenarios o casos de uso para diseñar e implementar estrategias (se denominan casos de uso).

La interacción con los desarrolladores y los servicios internos que participan en el trabajo supone aproximadamente una cuarta parte del tiempo.

Para transmitir las consultas, explicaciones y respuestas del equipo al cliente, el “negociador” también actúa como explicador. En resumen, el objetivo es tener un conocimiento profundo de las partes.

Es una práctica habitual que los probadores y los analistas de negocio utilicen los servicios del otro como forma de volver a comprobar los resultados finales e intermedios. Sin embargo, el analista no debe soportar la carga del probador. Pero para garantizar que el resultado global es preciso, es muy necesario verificar si el cliente solicitó el resultado en primer lugar. Es mejor no discutir el tema, ya que le impide ver el artículo desde la perspectiva del consumidor.

La mayor parte de su tiempo se dedica a comunicarse con los clientes y a compartir la información necesaria.

En las negociaciones, un analista de negocio es un miembro esencial del equipo. La etapa inicial consiste en reunirse con el cliente, obtener información, evaluar el problema y ofrecer posibles soluciones.

Lo más fascinante es cuando el cliente tiene dificultades para articular su problema, o si no sabe lo que quiere. Una vez identificada la necesidad, el siguiente paso es identificarla.

A medida que el proyecto avanza, hay que demostrar al cliente el progreso del proyecto.

Otro relato fascinante de algo que sólo verás en la ficción es cuando el cliente exige modificar las cosas sobre la marcha o incluso después de que el proyecto esté terminado (esto se llama solicitud de cambio). Para los diseñadores, es difícil, si no doloroso, pasar de un diseño estilizado a un diseño realista. Es mucho más difícil cuando las modificaciones afectan al código del programa.

Los conocimientos necesarios para el trabajo son sólo la mitad del proceso de aprendizaje.

Los enfoques del análisis empresarial suelen ser bastante estables, pero hay que mantenerse al día de las aplicaciones emergentes para seguir siendo relevante. Puede que seas una excepción, pero, como mínimo, estarás mejor clasificado como experto (y también en términos monetarios).

En los círculos de TI hay una disputa sobre estas funciones: algunos dicen que las realiza un gestor de proyectos, mientras que otros consideran que las lleva un analista de negocio. Esto es exacto, en general la dirección elige qué tipo de investigación y desarrollo (I+D) realiza el analista de cada negocio, y el gestor hace el mismo tipo de trabajo para la empresa.

Este argumento se refiere a la discusión sobre la diferencia entre los analistas de sistemas, que profundizan en los algoritmos y los procesos técnicos, y los analistas de negocio, que se ocupan de los aspectos empresariales del análisis. También se discute si no se trata de una gran empresa, porque la frontera está claramente trazada.

Además, en nuestras organizaciones, el puesto de analista de negocio tiene a veces una capa añadida de caos: a veces lo completan un probador, un jefe de ventas y el “miembro senior” del equipo (lo que ocurre).

En general, todo tiene su lógica, ya que todo el mundo conoce tal o cual aspecto del asunto, por lo que los trabajadores a tiempo parcial (incluso para equipos pequeños) tienen sentido. Sin embargo, cuanto mayor sea el alcance del proyecto informático, menos necesidad habrá de una mayor especialización del puesto informático.

Explicando el concepto de plan de negocios simplemente

business plan cos è

¿Qué es un plan de empresa?

Business plan cos è — Un plan de negocios es un documento que describe los objetivos generales de una empresa, los posibles medios para alcanzarlos y una estrategia específica para poner en práctica esos objetivos. Se trata de un programa de actividades de la empresa que contiene todo lo relacionado con ella, desde su creación hasta el mercado. También se incluye en el plan de negocio la estructura de costes prevista para la empresa.

Los criterios y las ambiciones del cliente influyen en el contenido de la estrategia empresarial. El plan de empresa puede centrarse en elementos internos y externos. Cuando se considera el primer caso, se establecen objetivos intermedios necesarios para alcanzar otros. Un plan de empresa centrado en variables externas abarca un objetivo más amplio y está destinado principalmente a los intermediarios financieros ajenos a la empresa.

Los planes de negocio se preparan en tres condiciones: ideal, media y peor. Su elaboración va a requerir más tiempo y esfuerzo, pero te da la oportunidad de sumergirte en el proyecto y examinar todas las ramificaciones para poder prever lo peor y aplicar una estrategia para obtener el mejor resultado.

¿Para qué sirve?

Cuando un fundador pone en marcha una empresa, se redacta un plan de negocio para evaluar la rentabilidad de la empresa, estudiar los gastos de funcionamiento y las posibles fuentes de ingresos, prever los escenarios probables de crecimiento de los acontecimientos y dar tiempo al fundador para que se prepare para estos acontecimientos. Para introducir un nuevo producto, reestructurar, entrar en un nuevo mercado o cualquier otro cambio significativo, primero hay que preparar una estrategia empresarial.

Los inversores necesitan disponer de un plan de negocio actual o prospectivo para calibrar la viabilidad de la empresa.

Si el empresario espera recibir subvenciones o beneficios del gobierno, el plan de negocio debe explicar los motivos de estas expectativas.

En casi todas las situaciones, el fundador de un banco recibe un préstamo para crear o ampliar una empresa y está legalmente obligado a preparar un plan de empresa. Al evaluar la viabilidad de un plan de empresa, los bancos también realizan un análisis financiero para determinar la rentabilidad, los riesgos y la conveniencia de conceder un préstamo.

La pregunta que hay que hacerse es: “¿Por qué se necesita un plan de empresa?”.

Al ayudar a establecer los objetivos, la estrategia y la misión de la empresa y actuar de acuerdo con ellos, contribuye a definir el carácter de la empresa.

Estudia el producto y su demanda, así como la diferencia relativa de este producto con respecto a los competidores del mercado.

Mide qué categorías de clientes potenciales atiende la empresa y las funciones que desempeña para esos grupos.

La ventaja competitiva se estudia para identificar y proporcionar una mejor comprensión del entorno competitivo.

Se presupuestan todos los costes e ingresos del proyecto.

Además, el plan de acción comprende un plan de ejecución del proyecto, lo que le permite supervisar el progreso del mismo.

Para evaluar la rentabilidad y los riesgos de un proyecto o empresa, hay que utilizar una herramienta de previsión de proyectos o empresas.

Un plan de empresa es un recurso muy valioso para quienes quieren llevar a buen puerto una nueva idea, esbozando todo lo que saben sobre el proyecto, tomando decisiones y poniéndolo en práctica.

Aunque los planes de negocio varían en función de a quién van dirigidos, por ejemplo, a un proyecto de inversión, a una empresa, a un conjunto de empresas, a divisiones empresariales, etc., algunos planes se refieren a una empresa en sí, mientras que otros se centran en una entidad específica. Los planes de negocio pueden personalizarse para servir a numerosos propósitos, como para determinadas líneas de negocio (bienes, proyectos y servicios) o para la empresa en su conjunto.

Consigli per le donne imprenditrici che iniziano e chiudono il business

come vendere attività commerciale

Quindi non come vendere attività commerciale. Questo non è chiaramente il tuo primo passo. Ma se lo fai, ne abbiamo scritto alla fine del nostro articolo

Networking

Fare networking e presentarsi ad ogni fiera è un modo importante per assicurare che la vostra azienda stia ottenendo un prezioso tempo di contatto con i partner di vendita al dettaglio. Anche se le fiere di persona potrebbero non essere in corso al momento, ci sono fiere virtuali a cui i partner di vendita al dettaglio stanno ancora partecipando e che potrebbero avere il potenziale per un tempo a tu per tu o “mixer” virtuali.

Le fiere danno ai marchi che stanno appena iniziando l’opportunità di controllare la concorrenza, conoscere i nuovi avvenimenti del settore, e incontrare partner esistenti e potenziali nuovi che aiuteranno a costruire l’azienda. All’inizio, non ho mai rifiutato un incontro. Non sai mai chi incontrerai e cosa imparerai, quindi sii una spugna e assorbi tutte le informazioni che puoi ottenere da questi incontri.

Trovare investitori che siano adatti al tuo marchio può essere un compito arduo. È così importante assicurarsi che siano allineati con la tua visione della crescita dell’azienda. Prendere il tempo per fare la tua ricerca ne varrà la pena alla fine.

Guarda le reti di investitori angelici. Il mio primo investimento è venuto da investitori angeli, e hanno reti ora che sono basate sull’appartenenza e che tendono a servire per località. Spesso operano da un fondo che è stato messo da parte da una società di investimento per trovare offerte per la rete. Questo riduce la complicazione di dover andare personalmente da un angelo all’altro per trovare un buon affare.

La difficile decisione di chiudere il tuo business non è una decisione a cui si arriva velocemente. Se hai fatto tutto il possibile, e le cose non stanno ancora procedendo come dovrebbero, potrebbe essere meglio gettare la spugna e passare ad altre opportunità. Prima di andare avanti, però, è importante assicurarsi che tutto sia concluso correttamente in modo che i dipendenti, i clienti e i proprietari degli affari siano lasciati con una prospettiva positiva.

1. Prendere la decisione di chiudere: A seconda del tipo di azienda e della sua struttura aziendale, ci può essere un processo specifico quando si chiude il negozio. Se sei l’unico proprietario, allora sei l’unico a prendere decisioni. Con una partnership o un altro tipo di struttura aziendale, potrebbe essere necessario consultarsi con altre persone che hanno una partecipazione nell’organizzazione. Una volta che un accordo sulla chiusura è stato fatto, dovrebbe essere messo per iscritto, e poi il processo di liquidazione dovrebbe iniziare.

2. Consultare i professionisti: È importante mantenere il contatto con professionisti in vari ruoli quando si chiude l’attività. Professionisti delle tasse, avvocati, personale dell’IRS, broker o contabili possono essere in grado di aiutare a guidarvi attraverso questo difficile processo. Consultare un professionista potrebbe aiutare a limitare la tua responsabilità personale a seconda della situazione.

3. Preparare i documenti legali per lo scioglimento: Un avvocato può essere in grado di assistervi con il deposito dei documenti appropriati quando si tratta di scioglimento. Lo stato societario della vostra azienda deve essere considerato per quanto riguarda il tipo di archiviazione di dissoluzione che sono necessari al fine di risolvere lo stato della vostra organizzazione.

4. Risolvere qualsiasi responsabilità finanziaria: Prima di abbandonare la vostra azienda, è necessario assicurarsi che tutti i conti finanziari dovuti dalla vostra azienda siano saldati e pagati. È anche importante controllare che tutti gli obblighi fiscali siano saldati per evitare multe o interessi di mora in futuro.

5. Chiudere tutti i documenti regolamentari: Chiudere significa che la tua organizzazione non ha più bisogno di licenze, registrazioni o permessi. Prendi le misure necessarie per eliminare questi documenti durante la chiusura.

6. Rintracciare tutto il denaro dovuto: quando si chiude la ditta, si vuole essere sicuri di poter andare via senza dover pagare. Una cosa che può aiutare è rintracciare tutti i crediti e lavorare per ottenere tutti i pagamenti presentati il più presto possibile.

7. Eseguire tutti gli ordini in sospeso: Inoltre, quando si chiude, si vuole fare in modo che i clienti si prendano cura di loro e non vengano lasciati con le mani e le tasche vuote. Fai la cosa giusta completando tutti gli ordini in sospeso, e assicurati che le procedure di chiusura siano corrette in questo modo.

8. Scaricare le attività: Le attività che fanno parte della vostra società dovrebbero essere vendute o scaricate allo scioglimento. Questo può aiutarvi a gestire i costi di liquidazione e può anche darvi un flusso di cassa positivo mentre le cose vanno a fondo. L’inventario e altre forniture possono essere vendute rapidamente a un liquidatore in modo da non doversi preoccupare del fastidio e del tempo necessario per vendere tutto.

9. Informare i dipendenti e liquidare tutti i salari: Alla fine di questo percorso, è importante dire ai tuoi dipendenti cosa sta succedendo. Una volta che l’hai spiegato, assicurati di saldare tutti gli obblighi lavorativi e salariali. Onorate tutte le buste paga finali.

10. Conservare tutta la documentazione: Alla fine di questo periodo stressante ed emotivo, è una buona idea conservare le copie di tutta la documentazione che hai acquisito. Una volta che il tuo business è ufficialmente andato, qualsiasi questione in sospeso che viene fuori può essere affrontata più facilmente se si conserva tutta la documentazione per almeno tre anni.

Attività commerciali nel campo del commercio

chiusura attività commerciale rimanenze

Chiudere o vendere la sua attività

Sviluppa un piano completo per trasferire la proprietà, vendere o chiudere la tua azienda. Fatevi consigliare da un esperto e sappiate cosa fare per sistemare le questioni in sospeso.

Chiudi il tuo business

Chiudere un’attività può essere una decisione difficile. Lo Small Business Administration’s Local Assistance Finder può metterti in contatto con la consulenza locale per pianificare una strategia di uscita dal business. È anche utile chiedere consiglio al vostro avvocato e a un esperto di valutazione d’impresa, insieme ad altri professionisti dell’impresa tra cui contabili, banchieri e l’IRS.

Seguite questi passi quando chiudete un’attività.

La decisione di chiusura attività commerciale rimanenze. Gli imprenditori individuali possono decidere da soli, ma qualsiasi tipo di partnership richiede il consenso di tutti i comproprietari. Seguite il vostro statuto e documentatelo in un accordo scritto.   Inserire lo scioglimento della società nella documentazione. Se non sciogliete legalmente la LLC o la corporation in qualsiasi stato in cui siete incorporati, vi esponete alla continua responsabilità fiscale e ai requisiti di archiviazione. Controlla il Segretario di Stato, l’ufficio commerciale o il sito web dell’agenzia commerciale del tuo stato per ulteriori informazioni.

Cancellare registrazioni, permessi, licenze e nomi commerciali. Proteggete le vostre finanze e la vostra reputazione cancellando tutti quelli che non vi servono più, compreso il vostro nome commerciale.

Fare riferimento al decreto del Dipartimento del Lavoro sull’adeguamento dei lavoratori e la notifica di riqualificazione per quanto riguarda i pagamenti ai dipendenti al momento della cessazione del rapporto di lavoro, insieme ad altre leggi federali e statali.

Risolvere gli obblighi finanziari. Preparare le dichiarazioni finali delle imposte sul reddito e sulle vendite. Cancella il tuo Employer Identification Number, informa le autorità fiscali federali e statali e segui questa lista di controllo dell’IRS con le istruzioni su come uscire dal business.

Tenere i registri. Le può essere richiesto dalla legge di tenere registri fiscali e di occupazione, tra gli altri file. Le linee guida comuni raccomandano di conservare i registri da tre a sette anni.

Vendere il business

Dopo un’attenta considerazione, potresti decidere di vendere la tua azienda. Un’attenta pianificazione vi aiuterà a garantire la copertura di tutte le vostre esigenze.

Utilizzare una valutazione aziendale per stabilire un valore monetario prima di commercializzare a potenziali acquirenti. Potete scoprire le risorse di valutazione del business da The Appraisal Foundation per una valutazione separata e maggiori informazioni.

Allo stesso tempo, valutate accuratamente tutti i beni e gli immobili associati alla vostra piccola impresa. Questo può includere beni intangibili come la presenza del marchio, la proprietà intellettuale, le informazioni sui clienti e le proiezioni delle entrate future.

Quando si tratta di capire quanto vale la tua azienda, considera questi metodi di valutazione comuni.

Approccio del reddito: esamina le entrate previste e considera i rischi potenziali.

Approccio di mercato: confronta il tuo business con altri business simili che hanno venduto recentemente. Approccio basato sulle attività: le passività totali dell’azienda e il valore totale di tutte le attività sono sottratte dal valore generale risultante delle risorse dell’azienda.

Stipulare un contratto di vendita

Per vendere ufficialmente la sua azienda, deve preparare un accordo di vendita. Questo documento vi permette di acquistare i beni o le azioni della società. Dovrebbe essere rivisto da un avvocato per assicurarsi che sia accurato e completo.

Elenca tutte le azioni coinvolte nella vendita insieme ai nomi del venditore, dell’acquirente e dell’azienda. Compilare i dettagli di base. Determinate come il business sarà gestito prima della chiusura, e il livello di accesso che l’acquirente avrà alle vostre informazioni. Registrare eventuali adeguamenti, commissioni di intermediazione e qualsiasi altro aspetto rilevante per i termini del contratto.

Non tralasciare attività e passività, o potrebbe causare problemi anche dopo che la vendita è stata completata.

Trasferimento di proprietà

Liz possiede una boutique di abbigliamento locale che non sta andando bene. Dato che ha diverse altre attività sul suo piatto, non può più permettersi di continuare a gestirlo. Ha bisogno di un’uscita rapida e di denaro rapido.

Bill possiede un mercato vicino a casa sua. Dopo la nascita di sua nipote, ora trascorre la maggior parte del suo tempo a casa di sua figlia a qualche ora di distanza. Dopo aver trasferito la proprietà dell’azienda, Bill non deve più preoccuparsi di gestire la sua attività, ma riceve ancora un reddito mensile.

Questa opzione è spesso utilizzata da individui che non possono permettersi una vendita a titolo definitivo, ma sono invece in grado di finanziare un piano di pagamento a lungo termine. Una vendita graduale è un’opzione flessibile per il trasferimento di un’impresa.

Contratto di locazione

Barbara ha deciso di fare un anno di crociera intorno al mondo. Per prendersi cura del suo asilo, ha deciso di trasferire la proprietà a un amico attraverso un contratto di locazione.

Trasferendo la proprietà di un business attraverso un accordo di leasing, vi impegnate a un contratto che dettaglia i termini e i pagamenti che riceverete per i diritti temporanei sul vostro business.

L’imprenditoria femminile ne beneficia.

“Il numero di giovani cinesi che vogliono intraprendere imprese negli Stati Uniti è aumentato drammaticamente negli ultimi 10 anni”, ha detto Rosena Gamalupa, professore di economia applicata alla New York University. “Il business, anche se aspira, è ancora sostanziale, e non è un mercato esperto di tecnologia. Di conseguenza, è ancora in competizione con le imprese più piccole, piuttosto che con quelle più grandi e di minor successo. Quindi, anche se si prendesse tutta l’esperienza che stiamo ottenendo dalla Cina, possono rimanere indietro”. Il valore economico dell’avere soldi sta rapidamente diventando il punto focale dei media, perché Washington è troppo ansiosa di “recuperare” in economia. Agevolazioni imprenditoria femminile 2017: Questo è il carattere dei funzionari governativi che dovrebbero prestare più attenzione alle opportunità di business disponibili e alle imprese che possono attrarre gli americani. Ed è di questo che trattava questo articolo. Chi è più importante I nostri soggetti del test erano cittadini cinesi anziani o, più comunemente, newyorkesi. Gli americani hanno potuto vederli durante un tour nazionale delle agenzie federali utilizzando i loro smartphone. Dopo cinque ore di lavoro ai telefoni, come mostrato nel video, è stato detto loro quanto sia importante il loro governo locale. I lavori più importanti della nazione sono stati il meteo e l’assistenza sanitaria. Anche i mercati immobiliari erano molto più congestionati. L’1,9 miliardi di popolazione urbana della nazione (130 milioni di persone) ha ricevuto 2,2 milioni di posti di lavoro. Le imprese locali e un governo considerevole non erano secondi a nessuno. Molte di queste persone possono guadagnare tra i 7.000 e i 12.000 dollari all’anno. Capisco perché la gente mette così tanto tempo ed energia nel cercare lavoro a Washington. Ma il fatto è che il governo viene al mondo da qualche altra parte. E non posso dirvi quante persone hanno lavorato qui ai miei tempi. In effetti, non ne ho viste molte. Un amico dei miei tempi accademici si è interessato, secondo alcuni miei conoscenti, a viaggiare in Medio Oriente verso la fine dei 20 anni. Viaggiò in Kuwait, Giordania e Arabia Saudita, tornando negli Stati Uniti sei anni dopo. Una volta tornato, aveva già fatto il suo primo grande viaggio in Medio Oriente. Un anno dopo, lasciò il suo compagno di viaggio, Myles Pritchett, dove avevano viaggiato e iniziò il suo viaggio con gli americani. David Thomas, che lavorava per il Dipartimento dell’Agricoltura, mi disse che quando andò in Iran, riuscì ad ottenere un posto di lavoro fuori dall’istruzione che non poteva essere trovato negli Stati Uniti. Ora è un consulente in Gran Bretagna e Canada. Il Dr. Martel Bachmann, che dirige l’AIPAC Institute, ha fatto molti più lavori come analista governativo alla Casa Bianca di Obama che per il Job Corps. È stato persino in grado di tornare a casa dopo solo due anni e mezzo, guadagnando circa 25.000 dollari all’anno. Ha guadagnato 35.000 dollari in un anno, mentre ha guadagnato meno di 60.000 dollari in un anno. Molti di quelli che avevano lavorato a Washington ora ci lavorano per l’aiuto che possono dare. Gettare soldi al governo ha preso piede, e i posti di lavoro del governo, in molti settori. E quando le persone hanno messo giù la tenacia e lo sforzo che hanno messo nel parlare con te, questo permette loro di portare a casa i risparmi che possono e lasciare questi lavori governativi. Si trasforma in lealtà. Ma non è un obiettivo impossibile da raggiungere, ha detto Daniel Pifrell, che era un insegnante di scuola superiore nel Distretto e ospiterà il seminario alla fine di questo mese su come il pubblico investe nella vita privata al Dipartimento del Lavoro. In una delle grandi storie di successo dell’ultimo decennio, i sogni dei lavoratori governativi hanno preso vita, dice Ephraim Aydin, un ingegnere di dati al dipartimento di statistica che aiuta a spingere i progressi dell’automazione. “Sarà quasi certamente molto più veloce e molto più redditizio fare programmi qui negli Stati Uniti se concentriamo la nostra attenzione su questo”, ha detto Aydin. Una vendita difficile per i governi statali e locali Questa è una vendita difficile per i politici, ma gli incentivi ci sono. Gli uomini d’affari delle piccole città stanno attivamente acquistando proprietà governative in patria ed espandendo i loro investimenti per ottenere una sorta di vantaggio competitivo. Un americano liberale non ha bisogno di essere interessato al governo per approfittare di queste opportunità. Quegli imprenditori che lavorano a Washington – è così che abbiamo costruito la nostra classe media, come ho fatto io in Alaska e alle Hawaii con la Federal Reserve – che vogliono competere con i settori governativi più grandi hanno la capacità di farlo perché hanno un genuino interesse nei meccanismi di mercato. Di conseguenza, non sono lasciati a rincorrere i piccoli acquisti di infrastrutture governative da parte loro e delle grandi imprese. Molto di questo “telemarketing” nel governo è in corso. A partire dalla prossima settimana, un disegno di legge.

Regione Fvg Contributi

Durata del finanziamento: 6 anni, di cui 2 di preammortamento.BENEFICI: Finanziamento a tasso agevolato pari al 10% del tasso di riferimento UE (con il limite a zero).Possibilità per l’impresa di inserirsi efficacemente sul mercato con una struttura commerciale finanziata per un periodo di 24 mesi.Possibilità di promuovere con migliore efficacia i propri prodotti.Incentivo economico rappresentato dal solo rimborso degli interessi nel periodo di realizzazione del programma.EROGAZIONI: Possibilità di ottenere la prima erogazione, per un importo minimo del 10% del finanziamento, relativa alle spese già sostenute (pagate) e/o da sostenere a partire dalla data di presentazione della domanda di finanziamento fino a un massimo di 6 mesi dalla data di stipula del contratto.Le erogazioni successive, ciascuna per un importo minimo del 10% del finanziamento, sono richieste con le caratteristiche della prima, ovvero per le spese da sostenere entro i 6 mesi successivi alla data delle richieste stesse.

Avviso, a TASSO: fisso in funzione dell’IRS (parametrato alla durata del finanziamento), variabile in funzione dell’Euribor (parametrato alla periodicità di rata). 13/2009 prevede che gli enti locali assicurino la compatibilità tecnologica e l’idoneità dei sistemi di videosorveglianza, acquistati e installati con finanziamento regionale, al collegamento digitale a banda larga e alla trasmissione delle immagini acquisite, secondo le caratteristiche tecniche fornite dall’Amministrazione regionale. Contributi a fondo perduto a sostegno di progetti di imprenditoria femminile – LR 11/2011 – anno 2015 Contributi a favore di progetti di aggregazione in rete Comunicazione Regione FVG su presentazione domande contributive anno 2014; Contributi per il miglioramento delle imprese turistiche – anno 2014 ammissibile, e comunque il contributo concesso IMPORTO AGEVOLABILE: è costituito dal costo di acquisizione della macchina comprensivo delle spese accessorie, esclusi gli oneri fiscali e finanziari, per un totale massimo ammissibile di euro 5.000.000,00 per anno solare.AGEVOLAZIONE: il contributo in conto interessi prevede l’abbattimento del 70% del tasso di riferimento; per il settore dei prodotti agricoli sono previste intensità di contributo specifiche.DOMANDE l’incentivo viene concesso con procedimento valutativo a sportello.

Domande a sportello. IMPORTO AGEVOLABILE: è costituito dal costo di acquisizione della macchina comprensivo delle spese accessorie, esclusi gli oneri fiscali e finanziari, per un totale massimo ammissibile di euro 5.000.000,00 per anno solare.AGEVOLAZIONE: il contributo in conto interessi prevede l’abbattimento del 70% del tasso di riferimento; per il settore dei prodotti agricoli sono previste intensità di contributo specifiche.DOMANDE l’incentivo viene concesso con procedimento valutativo a sportello. Si tratta del Decreto che istituisce finanziamenti agevolati con la finalita’ di ripristinare la liquidita’ delle PMI beneficiarie che risultano potenzialmente in crisi in quanto vittime di mancati pagamenti da parte di imprese debitrici imputate dei delitti di cui agli articoli 629 (estorsione), 640 (truffa), 641 (insolvenza fraudolenta) del codice penale e di cui all’art. Imprese femminili: ai blocchi di partenza il nuovo bando finanziato dalla regione e gestito dalle Camere di Commercio del territorio, tramite l’Unioncamere Fvg.

Contributo della Regione Friuli-Venezia Giulia per il progetto “INNOVAZIONE TECNICA, ORGANIZZATIVA E SOCIALE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA – INTECORT” a valere sulla misura 16.1.1 fase 1 del PSR 2014-2020 della Regione FVG di 12.874,67 € rimborsati nell’anno 2019 per … Regione Liguria p.i. Domande dal 31 gennaio 2019. SABATINI: a luglio 2017 sono ancora disponibili 311 milioni per le Pmi. INVITALIA: “SMART & START ITALIA”: Pubblicato il Decreto che rifinanzia lo strumento agevolativo con ulteriori 45 milioni. Contributi Regione Friuli Venezia Giulia “Bandi e Agevolazioni alle Imprese” dispone di una banca dati completa che raggruppa tutti i bandi attivi per la ricerca di Contributi Regione Friuli Venezia Giulia per lo Start Up o per lo sviluppo d’Impresa.

GARANZIE: La riduzione delle garanzie da prestare, applicabile alle PMI, è stata estesa anche alle imprese c.d. 312/Pres. Invitalia presenta la situazione operative ad aprile 2017 da cui si evince che la maggior parte dei progetti di finanziamento sono srtati presentati al Sud con 847 domande, mentre aCentro nord ne sono state presentate 2016.SELFIEMPLOYMENT si tratta di una misura che ammette al beneficio anche le spese di esercizio e non solo le spese di investimento, pertanto è possibile chiedere il finanzaimento ripartendo l’investimento fra spese di investimento e spese di gestione,come per esempio finanziando le spese correnti rappresentate dall’acquisto di scorte, spese per il personale, canoni di locazione, ecc. Giovani 2G Contributi per di giovani stranieri. Si intende così fornire risposta a dubbi interpretativi sulla fruizione della misura anche da parte di imprese non manifatturiere, in coerenza con i principi guida del Piano Industria 4.0.FINALITA’ IPER E SUPER AMMORTAMENTO: Supportare e incentivare le imprese che investono in beni strumentali nuovi, in beni materiali e immateriali (software e sistemi IT) funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi.

Prossimi eventi

Uno dei nostri principali obiettivi è promuovere l’imprenditorialità femminile. Sulla base di questo, organizziamo regolarmente vari incontri, conferenze, conferenze, ecc. Per illuminare meglio l’argomento per le donne.

Imprenditrice di successo come donna. Come va.

In questa conferenza discuteremo delle famose imprenditrici che sono riuscite a costruire imprese straordinarie. Inoltre, parleremo delle cose chiave nello sviluppo del business e daremo i migliori consigli unici per rendere qualsiasi azienda di successo.

Conosci tutti i dettagli e prenota il tuo biglietto contattandoci.

Gli aspetti principali del business femminile fino ad oggi.

Lì parleremo dell’imprenditoria femminile dalla sua nascita. Discuteremo tutte le cose chiave, i principi, le strutture e cercheremo di analizzare le storie di successo di una donna famosa nel mondo che è riuscita a costruire un business degno. Infine, avrai una chiara comprensione di come creare un’imprenditorialità di successo da zero.

Conosci tutti i dettagli e prenota il tuo biglietto contattandoci.

cosa dicono

Storie di successo

“Grazie mille, ragazze! IF mi ha aiutato a capire che POSSO creare un grande business e svilupparlo con successo. Attualmente sono uno dei fondatori di PPC, una famosa società di marketing di Madrid. Serviamo clienti in tutto il mondo e abbiamo già migliorato oltre 250 aziende fornendo loro servizi di marketing di qualità.”

photo-1534528741775-53994a69daeb.jpg

Veneranda Lori

Fondatore di PPC

“Sono sempre stata innamorata dei servizi di bellezza. Grazie a IF, sono riuscito a realizzare il mio potenziale per creare di più. Essendo un parrucchiere per molti anni, sono diventato un fondatore di successo di uno dei migliori network di saloni termali in Italia.”

me01-1.jpg

Ester Manna

Fondatore del network di spa salon in Italia

“Sono stato programmatore per oltre 6 anni e non sapevo come svilupparmi ulteriormente. Grazie a IF, ho creduto in me stesso e ho colto l’occasione per fondare la mia azienda IT.”

photo-1490143142353-f77c4884518e.jpg

Frediana Toscani

Fondatore di PGU IT company

La storia del fondatore

Clara Genovese è la fondatrice di Imprenditoria Femminile. Lei è la donna che è nata in un piccolo paese del Veneto, Gandhi è ora un’attivista antimafia, un politico e un membro del Parlamento europeo. Lotta per i diritti delle donne nell’imprenditorialità. Essendo sposata e avendo due figli, questa donna straordinaria è riuscita a costruire una grande carriera nei suoi 35 anni. È il cuore di IF, la più forte comunità di imprenditoria femminile di sempre.

Contattaci per diventare un membro del nostro team di imprenditrici di successo!

Scroll to top